Cerca

Chrom Harp 6/6

New Way to Harping Begin….

Mese

marzo 2016

Materiale Bibliografico, Discografico e Sitografico diviso per capitoli

Capitolo 1
H.Auden and Chester Kallman (song text editors) An Elizabethan Song Book Songs, Madrigals, music Noah Greenberg, 1957
Laure Barthel “Au coeur de la harpe au XVIIIème siècle” ed. Garnier-Francois Editions France 2005
Carl philipp Emanuel Bach “Saggio di metodo per la tastiera” edizione Curci Milano 1993
A.Bellasich – E.Fadini – S.Leschiutta – M.Lindley , “Il Clavicembalo” EDT / Musica , 1984
Monique Brandily, “Introduction aux musiques africaines”, Cité de la Musique / Actes Sud, 1997
Lucia Bova, “L’Arpa moderna”, Edizioni Suvini Zerboni-Milano, 2008
Maria Rosa Clavo Manzano, “El arpa en el barocco espanol”, Editorial Alpuerto, 1992 fuori stampa

Maria rosa Calvo-Manzano/Ramon Rodriguez Casal, “El arpa de dos ordenes de cuerdal en espana. Continuidad o ruptura con el arpa romanica? Historia, Teoria, pratica, organologia lutheria” , Arlu Ediciones, 1999 fuori stampa
Giovanni Luca Confronto, “Breve et facile maniera d’esercitarsi a far passaggi”1593, riedizione Società Italiana del Flauto Dolce 1986
John Downland “The first book of Ayres” Edmund H. Fellowes, Bosto: Galaxy Music Corporation, 1965
Leonardo D’Amico / Andrew L. Kaye, “Musica dall’Africa Nera”, L’Epos, Palermo 2004
New Groove African Harp, Harp

Gerhard Kubik, “Theory of African Music” Volume I , University of Chicago Press Edition 2010
Gerhard Kubik, “Theory of African Music” Volume II , University of Chicago Press Edition 2010
Marcela Mendez, “Historia del arpa en la Argentina”, Editorial de Entre Rios-Paranà, 2004
Alfredo Rolando Ortiz “The International Rhythmic Collection for all harps or piano”, Alfredo Rolando Ortiz Recordings and Books, 1979
Anna Pasetti, “L’Arpa”, L’Epos Società Editrice, 2008
Anna Pasetti, “Non arguta sonant tenui psalteria chorda – L’arpa dall’antichità preclassica all’alto Medioevo”, Ut Orpheus Edizioni, 2004
Francesco Rognoni, “Selva de varii passaggi”, Edition Pelikan, 1620
Alba Novella Schirinzi, “L’arpa – Storia di un antico strumento”, Ed. Carinsch s.p.a. – Milano

Mirella Vita, Antologia, “Arpeggi”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2007
Mirella Vita, “L’arpa-Piccole cronache del secolo XX”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2002
Mirella Vita, “L’Arpa-Profilo storico e repertorio”, Pizzicato Edizioni Musicali, 1991
Aa Vv, “Africa Folk Music Atlas. Book. CD-ROM & 3 CD-AUDIO” vol.1, Amharsi 1996

Capitolo 2
Marx, Harpo. Harpo Speaks. ISBN 0-87910-036-2 Limelight Editions – Books of the Performing Arts , Harper & Row, Publishers, Inc. 1985
http://it.wikipedia.org/wiki/Musica_popolare_americana.
http://it.wikipedia.org/wiki/Harpo_Marx http://en.wikipedia.org/wiki/Harpo_Marx + “Harpo Speaks!”
http://en.wikipedia.org/wiki/Casper_Reardon
http://www.imdb.com/name/nm0714094/bio?ref_=nm_ov_bio_sm
http://en.wikipedia.org/wiki/Adele_Girard
http://www.pitt.edu/~atteberr/jazz/articles/Girard.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Dorothy_Ashby
http://www.answers.com/topic/dorothy-ashby
http://www.jazzwax.com/2012/01/dorothy-ashby-jazz-harpist.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Dorothy_Ashby
http://www.answers.com/topic/dorothy-ashby
http://www.jazzwax.com/2012/01/dorothy-ashby-jazz-harpist.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Alice_Coltrane
http://www.alicecoltrane.org/biography.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Alice_Coltrane
http://it.wikipedia.org/wiki/Alice_Coltrane
http://www.alicecoltrane.org/biography.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Alice_Coltrane
https://www.youtube.com/watch?v=ZbL8M3wNxLc Blue Moon
https://www.youtube.com/watch?v=h7oZXt_71CE Harpo Marx in Horse Feathers [1932]
https://www.youtube.com/watch?v=569Gy8BE5P4 Un geniale Harpo Marx che interpreta dei famosi minuetti di Mozart e Beethoven, modificando gradualmente gli originali fino ad improvvisare con Accordi blues in trio violoncello, violino, arpa.
https://www.youtube.com/watch?v=9aabqmOX720&list=RD569Gy8BE5P4&index=4 Harpo Marx performs the Guardian Angels from the movie War Bond Drive (1945). Composed by Harpo Marx.
https://www.youtube.com/watch?v=vhBCkOHTE2A&index=8&list=RD569Gy8BE5P4 A scene from the Marx Brothers movie “Go West”, in which Harpo plays a loom as a harp. Una scena del film dei fratelli Marx ” Go West” , in cui interpreta un telaio Harpo come un’arpa Harpo guadagnò la sua fama per via delle sue tipiche gag visive, nell’unico video a colori reperibile si può notare come Harpo Affetta una mela con le corde dell’arpa.

link brani Adele Girard con la band di Joe Marsala.
Joe Marsala and his orchestra – Bull’s Eye – 1941 https://www.youtube.com/watch?v=PDpTxbM8ZcY
MILLENNIUM JUMP è stato uno dei quattro Soundies prodotte in aprile / maggio 1946 con un sette pezzo combo jazz pubblicizzata come ” Joe Marsala e orchestra . ” Tutti i musicisti sono identificati per voi sullo schermo .. Anche se Joe Marsala è spesso associata con la tradizionale , il jazz in stile Chicago , è un musicista molto più complessa , e questo combo suona musica tipica del tardo Swing Era :
Sembra indietro la tradizione swing senza ignorare alcune delle musiche moderna riprodotto in Harlem e Central Avenue . https://www.youtube.com/watch?v=S64adpHfcJA
Joe Marsala with Adele Girard – With a Twist of the Wrist (Joe Marsala – clarinet; Adele Girard – harp;
Carmen Mastren – guitar) https://www.youtube.com/watch?v=ribsGZH9pAc
Harp boogie trio https://www.youtube.com/watch?v=tNtkSzow0FY
https://www.youtube.com/watch?v=Ojuz4XlxKmM Dorothy Ashby-Afro-Harping (1968,Cadet Records) Soul Vibrations (3:22); Games (3:57); Action Line (3:43); Lonely Girl (3:15); Life Has Its Trials (4:31); Afro-Harping (3:01); Little Sunflower (3:47); Valley Of The Dolls (3:35); Come Live With Me (2:40); The Look Of Love (4:07)
https://www.youtube.com/watch?v=MEUzOWF9aD0 Dorothy Ashby – Essence Of Sapphir; album “The Fantastic Jazz Harp Of Dorothy Ashby”
https://www.youtube.com/watch?v=00uiKaJLWKQ album “Dorothy’s Harp”, By The Time I Get To Phoenix
https://www.youtube.com/watch?v=7oXDIDK7Ync Round Midnught “Django/ Misty”
https://www.youtube.com/watch?v=7vwTXAPHqF4 Alone Together From “In a Minor Groove” (1958)
Dorothy Ashby – Harp; Frank Wess – Flute; Herman Wright – Bass ; Art Taylor, Roy Haynes – Drums
https://www.youtube.com/watch?v=iG-a2syQ500 Rascallity from “In a Minor Groove”
https://www.youtube.com/watch?v=M9_1pt5Ukh4 “bohemia after dark” from “in a minor Groove”
https://www.youtube.com/watch?v=eebQsajwjNo My favorite Things
https://www.youtube.com/watch?v=McnyImDrdug There’s a Small Hotel – Dorothy Ashby (with Frank Wess) From “Hip Harp” (Prestige, 1958)
https://www.youtube.com/watch?v=oXFUwaHR834 The Windmills of Your Mind
https://www.youtube.com/watch?v=FXo8bkYd2nY Canto De Ossanha from “Dorothy’s Harp”

https://www.youtube.com/watch?v=KCNIapijh8w Invitation
https://www.youtube.com/watch?v=L9vcmBCAd9s taboo
https://www.youtube.com/watch?v=tk–gStkyGw Django
https://www.youtube.com/watch?v=Fqnnqzd06wo Myself when young. The Rubaiyat of Dorothy Ashby. Cadet 1970
https://www.youtube.com/watch?v=HGvtqquc_ro Misty
https://www.youtube.com/watch?v=c2YSdlD7378 Yesterday
https://www.youtube.com/watch?v=4XNG7tmIQx4 harp solo
https://www.youtube.com/watch?v=QUMuDWDVd20 Alice Coltrane – Turiya And Ramakrishna

plalist full album A Monastic Trio

Capitolo 3
http://www.chromatiker.de
http://www.harpamundi.de/xh/xh_berichte.htm
http://www.klangwerkstatt.de/body_chromdet.htm
Lei-fei Chen – Thesis “The emergence of the double-action harp as the standard instrument: pleyel’s chromatic harp and Erard’s Double-action harp”, University of Miami, 2008
Lucia Bova, “L’Arpa moderna”, Edizioni Suvini Zerboni-Milano, 2008
Mirella Vita, Antologia, “Arpeggi”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2007
Mirella Vita, “L’arpa-Piccole cronache del secolo XX”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2002

Manoscritti F.E.P.A. (Fast En-harmony for Pedal Harp) Enarmonia estemporanea per arpa a pedali copyright by Vanessa D’Aversa
Capitolo 4
Jamey Aebersold, all collections books, Jamey Aebersold Jazz , 1967, 1992, 2007
Jerry Bergonzi , Volume I “Inside Improvisation series – Melodic Structures”, Advance Music 1992
Jerry Bergonzi, Volume II “Inside Improvisation series – Pentatonics”, Advance Music 1994
Jerry Bergonzi , Volume III “ Inside Improvisation series – Jazz line” , Advance Music 1996
Jerry Bergonzi, Volume IV “ Inside Improvisation series – Melodic Rhythm”, Advance Music 1998
Jerry Bergonzi, Volume V “ Inside Improvisation series – Thesaurus of intervallic Melodies” , Advance Music 2000
Jerry Bergonzi, Volume VI “inside Improvisation series – Developing a jazz language”, Advance Music 2002
Phil De Greg, “Jazz Keyboard Harmony”, Jamey Aebersold Jazz 1994
Mark Levine, “The jazz Piano Book” Curci Jazz 2008, Sher Music co, 1989
Bert Ligon,: Volume two “Jazz Theory Resources – Tonal, Harmonic, Melodic & Rhythmic Organization of Jazz”,
Houston Publishing inc and Hal Leonard distribution, 2001.Bert Ligon,: Volume one “Jazz Theory Resources – Tonal, Harmonic, Melodic & Rhythmic Organization of Jazz”, Houston Publishing inc and Hal Leonard distribution, 2001 Bert Ligon “Comprehensive Technique for Jazz Musicians – Anthology of technical, Compositional & Theoretical Execises, Anthology of Musical Examples”, Houston Publishing inc and Hal Leonard

distribution 1999
Neil Olmstead, “Solo Jazz Piano- L’approccio lineare” Berklee Press Online & Carish 2003
Genni Tommasi, “ Metodo per arpa Jazz “ Camac Italia Arpitalia 2007

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

Discografia

Aa Vv, “Africa Folk Music Atlas. Book. CD-ROM & 3 CD-AUDIO” vol.1, Amharsi 1996
https://www.youtube.com/watch?v=ZbL8M3wNxLc Blue Moon
https://www.youtube.com/watch?v=h7oZXt_71CE Harpo Marx in Horse Feathers [1932]
https://www.youtube.com/watch?v=569Gy8BE5P4 Un geniale Harpo Marx che interpreta dei famosi minuetti di Mozart e Beethoven, modificando gradualmente gli originali fino ad improvvisare con Accordi blues in trio violoncello, violino, arpa.
https://www.youtube.com/watch?v=9aabqmOX720&list=RD569Gy8BE5P4&index=4 Harpo Marx performs the Guardian Angels from the movie War Bond Drive (1945). Composed by Harpo Marx.
https://www.youtube.com/watch?v=vhBCkOHTE2A&index=8&list=RD569Gy8BE5P4 A scene from the Marx Brothers movie “Go West”, in which Harpo plays a loom as a harp. Una scena del film dei fratelli Marx ” Go West” , in cui interpreta un telaio Harpo come un’arpa Harpo guadagnò la sua fama per via delle sue tipiche gag visive, nell’unico video a colori reperibile si può notare come Harpo Affetta una mela con le corde dell’arpa.
https://www.youtube.com/watch?v=Jr9_Cptzl84 link brani Adele Girard con la band di Joe Marsala.
Joe Marsala and his orchestra – Bull’s Eye – 1941 https://www.youtube.com/watch?v=PDpTxbM8ZcY
MILLENNIUM JUMP è stato uno dei quattro Soundies prodotte in aprile / maggio 1946 con un sette pezzo combo jazz pubblicizzata come ” Joe Marsala e orchestra . ” Tutti i musicisti sono identificati per voi sullo schermo .. Anche se Joe Marsala è spesso associata con la tradizionale , il jazz in stile Chicago , è un musicista molto più complessa , e questo combo suona musica tipica del tardo Swing Era : Sembra indietro la tradizione swing senza ignorare alcune delle musiche moderna riprodotto in Harlem e Central Avenue . https://www.youtube.com/watch?v=S64adpHfcJA
Joe Marsala with Adele Girard – With a Twist of the Wrist (Joe Marsala – clarinet; Adele Girard – harp; Carmen Mastren – guitar) https://www.youtube.com/watch?v=ribsGZH9pAc
Harp boogie trio https://www.youtube.com/watch?v=tNtkSzow0FY
https://www.youtube.com/watch?v=Ojuz4XlxKmM Dorothy Ashby-Afro-Harping (1968,Cadet Records) Soul Vibrations (3:22); Games (3:57); Action Line (3:43); Lonely Girl (3:15); Life Has Its Trials (4:31); Afro-Harping (3:01); Little Sunflower (3:47); Valley Of The Dolls (3:35); Come Live With Me (2:40); The Look Of Love (4:07)
https://www.youtube.com/watch?v=MEUzOWF9aD0 Dorothy Ashby – Essence Of Sapphir; album “The Fantastic Jazz Harp Of Dorothy Ashby”
https://www.youtube.com/watch?v=00uiKaJLWKQ album “Dorothy’s Harp”, By The Time I Get ToPhoenix
https://www.youtube.com/watch?v=7oXDIDK7Ync Round Midnught “Django/ Misty”
https://www.youtube.com/watch?v=7vwTXAPHqF4 Alone Together From “In a Minor Groove”
(1958) Dorothy Ashby – Harp; Frank Wess – Flute; Herman Wright – Bass ; Art Taylor, Roy Haynes – Drums
https://www.youtube.com/watch?v=iG-a2syQ500 Rascallity from “In a Minor Groove”
https://www.youtube.com/watch?v=M9_1pt5Ukh4 “bohemia after dark” from “in a minor Groove”
https://www.youtube.com/watch?v=eebQsajwjNo My favorite Things
https://www.youtube.com/watch?v=McnyImDrdug There’s a Small Hotel – Dorothy Ashby (with Frank Wess) From “Hip Harp” (Prestige, 1958)
https://www.youtube.com/watch?v=oXFUwaHR834 The Windmills of Your Mind
https://www.youtube.com/watch?v=FXo8bkYd2nY Canto De Ossanha from “Dorothy’s Harp”
https://www.youtube.com/watch?v=KCNIapijh8w Invitation
https://www.youtube.com/watch?v=L9vcmBCAd9s taboo
https://www.youtube.com/watch?v=tk–gStkyGw Django
https://www.youtube.com/watch?v=Fqnnqzd06wo Myself when young. The Rubaiyat of Dorothy Ashby. Cadet 1970
https://www.youtube.com/watch?v=HGvtqquc_ro Misty
https://www.youtube.com/watch?v=c2YSdlD7378 Yesterday
https://www.youtube.com/watch?v=4XNG7tmIQx4 harp solo
https://www.youtube.com/watch?v=QUMuDWDVd20 Alice Coltrane – Turiya And Ramakrishna

MKw plalist full album A Monastic Trio

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

Bibliografia

H.Auden and Chester Kallman (song text editors) An Elizabethan Song Book Songs, Madrigals, music Noah Greenberg, 1957
Jamey Aebersold, all collections books, Jamey Aebersold Jazz , 1967, 1992, 2007
Laure Barthel “Au coeur de la harpe au XVIIIème siècle” ed. Garnier-Francois Editions France 2005
Carl philipp Emanuel Bach “Saggio di metodo per la tastiera” edizione Curci Milano 1993
A.Bellasich – E.Fadini – S.Leschiutta – M.Lindley , “Il Clavicembalo” EDT / Musica , 1984
Jerry Bergonzi , Volume I “Inside Improvisation series – Melodic Structures”, Advance Music 1992
Jerry Bergonzi, Volume II “Inside Improvisation series – Pentatonics”, Advance Music 1994
Jerry Bergonzi , Volume III “ Inside Improvisation series – Jazz line” , Advance Music 1996
Jerry Bergonzi, Volume IV “ Inside Improvisation series – Melodic Rhythm”, Advance Music 1998
Jerry Bergonzi, Volume V “ Inside Improvisation series – Thesaurus of intervallic Melodies” , Advance Music 2000
Jerry Bergonzi, Volume VI “inside Improvisation series – Developing a jazz language”, Advance Music 2002
Monique Brandily, “Introduction aux musiques africaines”, Cité de la Musique / Actes Sud, 1997
Lucia Bova, “L’Arpa moderna”, Edizioni Suvini Zerboni-Milano, 2008
Lei-fei Chen – Thesis “The emergence of the double-action harp as the standard instrument: pleyel’s chromatic harp and Erard’s Double-action harp”, University of Miami, 2008
Maria Rosa Clavo Manzano, “El arpa en el barocco espanol”, Editorial Alpuerto, 1992 fuori stampa
Maria rosa Calvo-Manzano/Ramon Rodriguez Casal, “El arpa de dos ordenes de cuerdal en espana. Continuidad o ruptura con el arpa romanica? Historia, Teoria, pratica, organologia lutheria” , Arlu Ediciones, 1999 fuori stampa
Giovanni Luca Confronto, “Breve et facile maniera d’esercitarsi a far passaggi”1593, riedizione Società Italiana del Flauto Dolce 1986
John Downland “The first book of Ayres” Edmund H. Fellowes, Bosto: Galaxy Music Corporation, 1965
Leonardo D’Amico / Andrew L. Kaye, “Musica dall’Africa Nera”, L’Epos, Palermo 2004
Phil De Greg, “Jazz Keyboard Harmony”, Jamey Aebersold Jazz 1994
New Groove African Harp, Harp Gerhard Kubik, “Theory of African Music” Volume I , University of Chicago Press Edition 2010

Gerhard Kubik, “Theory of African Music” Volume II , University of Chicago Press Edition 2010
Mark Levine, “The jazz Piano Book” Curci Jazz 2008, Sher Music co, 1989
Bert Ligon,: Volume one “Jazz Theory Resources – Tonal, Harmonic, Melodic & Rhythmic Organization of Jazz”, Houston Publishing inc and Hal Leonard distribution, 2001.
Bert Ligon,: Volume two “Jazz Theory Resources – Tonal, Harmonic, Melodic & Rhythmic Organization of Jazz”, Houston Publishing inc and Hal Leonard distribution, 2001.
Bert Ligon “Comprehensive Technique for Jazz Musicians – Anthology of technical, Compositional & Theoretical Execises, Anthology of Musical Examples”, Houston Publishing inc and Hal Leonard distribution 1999
Marx, Harpo. Harpo Speaks. ISBN 0-87910-036-2 Limelight Editions – Books of the Performing Arts , Harper & Row, Publishers, Inc. 1985
Marcela Mendez, “Historia del arpa en la Argentina”, Editorial de Entre Rios-Paranà, 2004
Neil Olmstead, “Solo Jazz Piano- L’approccio lineare” Berklee Press Online & Carish 2003
Alfredo Rolando Ortiz “The International Rhythmic Collection for all harps or piano”, Alfredo Rolando Ortiz Recordings and Books, 1979
Anna Pasetti, “L’Arpa”, L’Epos Società Editrice, 2008
Anna Pasetti, “Non arguta sonant tenui psalteria chorda – L’arpa dall’antichità preclassica all’alto Medioevo”, Ut Orpheus Edizioni, 2004
Francesco Rognoni, “Selva de varii passaggi”, Edition Pelikan, 1620
Alba Novella Schirinzi, “L’arpa – Storia di un antico strumento”, Ed. Carinsch s.p.a. – Milano
Genni Tommasi, “ Metodo per arpa Jazz “ Camac Italia Arpitalia 2007
Mirella Vita, Antologia, “Arpeggi”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2007
Mirella Vita, “L’arpa-Piccole cronache del secolo XX”, Pizzicato Edizioni Musicali, 2002
Mirella Vita, “L’Arpa-Profilo storico e repertorio”, Pizzicato Edizioni Musicali, 1991

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

Ringraziamenti

Vorrei ringraziare:
– l’ex responsabile del Dipartimento di Jazz Ettore Fioravanti che, assieme all’ex Direttore Antonio D’Anto, ha approvato la mia ammissione al Triennio di Jazz, aprendo in pratica un primo percorso sperimentale di jazz per arpa all’interno di un Conservatorio di musica Italiano.
– Il relatore Luigi Onori per la sua accurata attenzione alla buona riuscita della tesi e per la sua curiosità verso gli argomenti trattati nonché il correlatore Gregory Burk che mi ha ispirato durante il percorso di studio nuove prospettive di ricerca e d’improvvisazione, che ho cercato di applicare dal pianoforte all’arpa.
– Clara Rocco per avermi fornito per la ricerca dei libri fuori stampa della collezione privata di Mirella Vita, soprattutto i preziosi ed interessanti libri in spagnolo di Maria Rosa Clavo Manzano.
– Tutti i docenti che durante questo percorso di studio hanno contribuito con i loro consigli ad approfondire attraverso l’interdisciplinarità questo percorso di ricerca, e in particolare Paola Ghigo, Aldo Bassi, Stefano Caturelli, Paolo Tombolesi, Stefano Micarelli.
– Allal Abderzak per avermi sostenuto e motivato nell’ardua decisione che ha comportato la ricerca delle nuove tecniche con l’arpa a pedali e soprattutto la conversione alla tecnica sull’arpa cromatica 6/6.
– Ringrazio l’Associazione Chromatiker per avermi fornito tutte le info per contattare tutti i costruttori di Arpe Cromatiche 6/6 d’Europa e di avermi fatto conoscere tanti altri arpisti con il quale collaboro per migliorare la conoscenza e la metodologia specifica per l’apprendimento dell’arpa cromatica.
– Infine ringrazio di cuore Klangwerkstatt Markd Wald di André Schubert per avermi costruito una stupenda Arpa Cromatica 6/6.

Klangwerkstatt Markd Wald

Conclusione

 Questa tesi rappresenta il cambiamento radicale che come arpista ho vissuto in prima persona attraverso la ricerca :
– di libri bibliografici fuori stampa per scovare prassi esecutive d’improvvisazione non scritte;
– di biografie di arpisti che hanno fatto cambiare l’opinione a musicologi e musicisti jazz;
– di arpe nuove, ossia prototipi non industriali costruiti da mastri liutai artigiani, che potevano scavalcare i limiti delle arpe tradizionalmente usate dagli arpisti;
– di nuove tecniche pratico-mnemoniche per superare limiti imposti dalle vecchie tradizioni.
Tutte e quattro le attività e ricerche sono state svolte contemporaneamente e ognuna ha avuto bisogno dell’altra per continuare a crescere poiché la verità nella musicologia, nella tecnica e soprattutto nell’improvvisazione è nell’interdisciplinarietà: solo la correlazione di molti sforzi in varie materie porta a farsi domande meno scontate con risposte ancor meno ovvie.
Presentando alcuni estratti dai miei manoscritti e considerazioni tecniche, sottolineandone pregi e difetti, si disegna un nuovo orizzonte che apre nuove prospettive sia per chi vuole continuare la tradizionale prassi esecutiva con l’arpa a pedali sia per una nuova generazione di arpisti cromatici che avranno la possibilità di apprezzare sonorità ancora poco conosciute dalle generazioni precedenti di musicisti del settore jazzistico e
classico.
Mi auguro di poter nel prossimo futuro divulgare i miei manoscritti sull’en-armonizzazione per arpa a pedali, sulle diteggiature per arpa cromatica 6/6 e i corrispettivi metodi per l’applicazione tecnico-pratica, frutto delle ricerche accademiche intraprese e svolte in questi anni.

Censimento effettuato da Chromatiker delle arpe cromatiche 6/6 presenti in Europa dal 2008.

 chromatiker.de.PNG

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

Confronto arpa a pedali e arpa cromatica 6/6 (parte 3)

Tecniche d’improvvisazione
Le tecniche d’improvvisazione proposte sono molto familiari a tutti i didatti e musicisti jazz. Confronteremo varie tecniche molto comuni ma non così scontate per gli arpisti come il targeting , proponendo alcuni esempi esemplificativi di confronto nell’appendice per rendere più scorrevole la lettura.

Fraseggio: cromatismo
Jamey Aebersold: “La scala cromatica è il tuo alfabeto musicale”. Il termine cromatismo (detto cromatismo di semitono) indica l’uso di intervalli di semitono nelle linee melodiche. Quando si ascoltano dei soli o se ne analizza la trascrizione, senza dubbio si troveranno note che non fanno parte della scala o dell’accordo sul quale vengono suonate. Questo non è insolito, molti musicisti suonano stando nella struttura armonica di un
brano, usando note molto lontane dalla scala o dall’accordo implicate nell’armonia.

Confronto Scala Cromatica
Sull’arpa a pedali: la scala cromatica può essere suonata con due tipi di pedaliere di difficile realizzazione su tempi medio-veloci. Tutti i passaggi cromatici nell’arpa a pedali nei tempi medi devono essere prodotti con i glissandi di pedali (slide pedal). I glissandi di pedali sono una risorsa tipica che trova una similitudine nell’effetto che i chitarristi possono produrre scivolando il dito sui tasti della tastiera mentre la corda è sempre
in vibrazione. Il glissando di pedali consiste nell’eseguire due suoni a distanza di semitono pizzicando una sola volta la corda e variandone l’altezza solo mediante l’uso del pedale relativo; si usa per semplificare i passaggi cromatici o come mezzo espressivo per ottimizzare la pronuncia.
L’Arpa cromatica, non avendo problemi nella produzione dei cromatismi, approfondisce uno studio accurato della diteggiatura invece del glissato (effetto dell’arpa a pedali) utilizza l’appoggiatura cromatica come il pianoforte.
Perciò il targeting, ossia l’ approccio cromatico su note della scala o sugli accordi, rispettivamente per l’arpa a pedali prevede lo scivolamento del pedale, per l’arpa cromatica la diteggiatura di frammenti della scala cromatica.

Improvvisazione lineare (in- e out-line)
L’arpa a pedali può con più facilità improvvisare dentro una scala tonale o modale, ma non può suonare fuori tonalità o in tonalità diverse che si susseguono velocemente mentre sta accompagnando con voicing da quattro note; può provare suonando con la mano sinistra solo shell voicing (R-3) (R-7).
L’arpa cromatica può suonare dentro e fuori tonalità, accompagnandosi con la sinistra con qualunque accordo 2-3-4-5 voci.

Accompagnamento
– Comping
Come abbiamo constatato nella prima parte della tesi, l’arpa è stata utilizzata nel tempo come strumento d’accompagnamento ritmico e/o armonico. Il comping (l’accompagnamento) è l’arte di ascoltare gli sviluppi musicali del solista o degli altri elementi della ritmica (batteria, basso), supportando in modo spontaneo le altre
idee musicali, interagendo con il gruppo. Naturalmente sentire e provare il linguaggio di altri pianisti accompagnatori è una parte del lavoro; in questo tipo di tecnica bisogna essere in equilibrio tra armonia e ritmo, un buon arpista jazz suona accordi ben costruiti con un buon senso del ritmo. Al problema principale dell’arpa a pedali, come già appurato nelle progressioni, si aggiunge il gap (il salto) nei cambi dei pedali tra un accordo e l’altro di due tonalità lontane soprattutto durante l’accompagnamento nel quale la sezione ritmica tende ad allargare il tempo in avanti o all’indietro quindi anticipando o posticipando l’armonia del chorus, in questo caso l’arpa a pedali se sostituisce il pianoforte ha molti problemi soprattutto nell’anticipare gli accordi o nel fare in solo, accompagnandosi contemporaneamente. Perciò se si accompagna con l’arpa a pedali senza fare soli si possono aggiungere note alterate seguendo le regole dell’enarmonia
estemporanea, e si possono superare le 4 voci nelle armonie non incluse nella classica progressione tonale (IIV- I, IV-V-I).
Se l’arpista si sta accompagnando durante il solo con la mano sinistra deve diminuire il tessuto armonico assottigliandolo, usando la terza e la settima (escluse le progressioni II-V-I dove può utilizzare anche 4 voci).
L’arpa cromatica non presenta nessuna difficoltà sia nel comping da solista sia all’interno della ritmica, aumentando sensibilmente la quantità e qualità del tessuto armonico all’interno della concezione ritmica dell’accompagnamento.

– Walking
L’arpa a pedali in presenza di progressioni II-V-I può affrontare vari cromatismi, e può aggiungere accordi con la mano destra anche a quattro voci; in progressioni cromatiche dovrebbe ridurre le voci della destra limitandosi alla terza e alla settima (toni guida) e concentrandosi sul walking. La mano destra ha anche vincoli ritmici, non
può suonare indipendentemente dalla mano sinistra a causa della pedaliera, quindi non può soprattutto anticipare la maggior parte dei voicing durante l’accompagnamento se le due mani hanno ruoli differenti walking sx, comping dx.
L’arpa cromatica può eseguire in tutte le tonalità una totale indipendenza tra i ruoli delle due mani. Può approcciare cromaticamente con più frequenza nel basso e la mano destra ha una libertà ritmica illimitata, sia con un beat in avanti sia all’indietro.

– Obbligato
Lo stesso ragionamento è associabile agli obbligati, infatti è impossibile per l’arpa a pedali suonare al di fuori della tonalità dell’obbligato, bisogna utilizzare una pedaliera looper per ripetere piccole sezioni di suoni.
Un’arpista cromatica ha la stessa libertà di creare obbligati come un pianista.

 

All’interno della pagina  Didactic Articles potrete consultare l’Appendice dove troverete tutti gli esempi dei prossimi paragrafi.

 https://chromharp66.com/didacticarticles/ 

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

Confronto arpa a pedali ed arpa cromatica 6/6 (parte 2)

Confronto sull’uso della notazione specifica con gli altri strumenti della sezione ritmica (pianoforte e chitarra).
Arpa a pedali e l’arpa cromatica hanno molte similitudini con due strumenti ritmici armonici molto usati nel jazz: la chitarra e il pianoforte.
L’arpa a pedali ha la possibilità di sezionare la corda attraverso le dita meccaniche dei dischi a forchetta, producendo tre suoni per corda; la chitarra ha delle barre che indicano e producono un’intonazione ponendo il dito prima della barra; può usare una mano sola per diteggiarsi il manico utilizzando al massimo quattro dita; l’arpa ne usa quattro per mano escludendo il mignolo, quindi ha la possibilità di emettere otto suoni  contemporaneamente. Tutte e due gli strumenti usano tabelle per poter individuare gli spazi della pedaliera o del manico da utilizzare, oltre alla notazione tradizionale nel quale la chitarra utilizza solo la chiave di violino, l’arpa utilizza anche quella di basso.
L’arpa cromatica può utilizzare in alcuni casi tutte le dita delle mani come il pianoforte, grazie all’inclinazione della cordiera. L’arpa cromatica può altresì leggere la musica direttamente così com’è scritta senza tabelle particolari: si usa solo una linea che rappresenta l’incrocio tra le due cordiere, dividendo la diteggiatura per ogni mano viene utilizzata di solito solo nel periodo iniziale per gli esercizi tecnici preliminari. Come il
pianoforte nella cordiera ogni singola nota viene pizzicata senza meccaniche aggiunte che ne modifichino l’altezza, c’è la possibilità sia di preparare la cordiera per avere numerosi effetti timbrici e si può con la chiave per accordare eventualmente cambiare l’altezza di una singola nota massimo due per volta, sempre per uso effettistico. La notazione tradizionale su pentagramma è la stessa del pianoforte, quindi sono presenti sia la
chiave di violino sia la chiave di basso.
Associazione delle diteggiature agli intervalli
Arpa cromatica 6/6, gli intervalli sono la sorgente tecnica di un arpista cromatico.
L’inizio dell’educazione della mano di un’arpista cromatico comincia principalmente con l’uso sistematico di uno o più intervalli in esercizi tecnici. Si evidenzia che attraverso specifici esercizi tecnici che raffinano determinate posizioni delle mani si producono diteggiature tramite strutture tattilo-mnemoniche molto interessanti, sopperendo alla difficoltà visiva di individuare le note sulle cordiere dello strumento. Il riferimento
principale come il pianoforte è la distanza tra più toni e semitoni.
– L’arpa a pedali non ha nessun riferimento con toni e semitoni toni, perciò non c’è un collegamento spaziale tra i vari suoni, non è possibile individuare intervalli specifici, gli unici spazi definiti e associabili sono i semitoni e toni singoli sulla pedaliera.

All’interno della pagina  Didactic Articles potrete consultare l’Appendice dove troverete tutti gli esempi dei prossimi paragrafi. https://chromharp66.com/didacticarticles/
Progressioni armoniche jazz II-V-I
Un “turnaround” è una progressione di accordi che gira attorno ad un accordo di tonica. Di solito s’impiega un movimento di tonica ad intervalli di quarta, il movimento più distensivo è quando si arriva al I grado. Le progressioni turnaround sono comunemente impiegate dai pianisti per introdurre, concludere delle canzoni (tunes o standards) o per sostituire delle progressioni interne. Molti brani swing sono composti principalmente
da turnaround (ad esempio “Blue Moon”, “Secret Love” ecc.). Ci sono differenti versioni utilizzate per variare il giro armonico: I M7-Vim7- IIm7 – V7; IM7-VI7-II7-V7; I7-V7-I7; I-V7sus-I . Le progressioni più praticabili per arpa a pedali, nelle quali può operare più agevolmente, sono le seguenti: I M7-Vim7- IIm7 – V7; IM7-VI7-II7-V7; I7-
V7-I7. Questo perché danno la possibilità di lasciare la tonalità d’impianto sulla pedaliera, consentendo di muovere i pedali per diversificare e far viaggiare il fraseggio. Di fatti le arpiste a pedali interpretano maggiormente pezzi swing o che in prevalenza abbiano un numero cospicuo di II-V-I .
L’arpa cromatica può affrontare tutte le progressioni diversificando contemporaneamente il fraseggio, quindi non ha limiti di repertorio.
– Progressioni cromatiche con accordi diminuiti, come ad esempio I- bIII°7- IIm7 – bIIM7IM7-bIIM7- bVIM7- bIIM7, o per terze, come il brano “Giant Steps” di John Coltrane, sono impraticabili per l’arpa a pedali:
di solito si tende a rimare sulla tonica o si predilige il tema o una line melodica. Nel suonare l’ arpa cromatica si associa all’ interessante gioco e specularità delle diteggiature ai brani complessi cromatici e non fondati sui movimenti di quarta, che regala la possibilità di velocizzare la mnemonica delle strutture armoniche.

 

Capitolo 4: (F.E.P.A. technique) Fast En-harmony for Pedal Harp

Capitolo 4: Confronto sulle tecniche d’improvvisazione e di arrangiamento
Introduzione
Confrontare l’Arpa cromatica 6/6 all’Arpa a pedali è stato più che mai un percorso forzato: durante il percorso di studi nel quale ho affrontato l’esame di strumento I e II annualità (con l’arpa a pedali) e la III( con l’arpa cromatica 6/6) ho, infatti, dovuto associare ad ogni tecnica i vari riferimenti tecnico-pratici per cercare soluzioni più veloci e più assimilabili.
– Tecniche d’arrangiamento
Le tecniche d’arrangiamento, soprattutto per quanto riguarda l’Arpa a pedali, hanno rappresentato un passaggio obbligato, poiché lo strumento – come si vedrà – per essere utilizzato con maneggevolezza ha bisogno di molta pratica e competenza mnemonica, soprattutto nell’uso certosino dei pedali, dall’uso sistematico di scale ed accordi ne ho estratto un metodo personale: la tecnica F.E.P.A. ( Fast En-harmony for Pedal Harp).

Accordi: enarmonia estemporanea per arpa a pedali (F.E.P.A. Fast En-harmony for Pedal Harp)
Per sviluppare la flessibilità ad enarmonizzare illustreremo la relazione corde-pedali con l’aggiunta di alcuni simboli che ci segnaleranno gli spazi nei quali un’arpista potrà muoversi senza cambiare la natura delle note sul pentagramma per quanto riguarda la melodia, per en-armonizzare al momento gli accordi scritti nelle sigle.
Ecco alcuni riferimenti per la lettura e la notazione ed un disegno che illustra la relazione corde pedali.

relazione corde-pedaliera

Questa relazione è utilizzata sia nella tradizione classica sia nell’enarmonia applicata al jazz. Di conseguenza, a completamento del capitolo già esposto sulla concezione della pedaliera nella tradizione classica, metteremo a conforto due illustrazioni che esemplificano come utilizza la pedaliera un’arpista classica, (che in verità legge brani già enarmonizzati in precedenza) ed un’arpista jazz che enarmonizza al momento un brano.

Pedaliera classicaPROSPETTO ENARMONIA ESTESA
L’associazione tra i pedali è il fulcro dell’enarmonia estemporanea, poiché riflette la concezione jazzistica nell’economizzare dei voicing anche sulla pedaliera, rendendola così più agevole anche per gli arrangiatori.

F.E.P.A. (Fast en-harmony for Pedal Harp) Enarmonia estemporanea per Arpa a Pedali: 

Schema riassuntivo

Pedaliere enarmoniche associate

Accordi e scale sull’arpa a pedali
Di seguito propongo i miei manoscritti: ho applicato le regole delle pedaliere associate sia agli accordi (triadi, quadriadi) che alle scale (maggiori, minori melodiche ascendenti, blues, diminuite, a toni interi) in tutte le tonalità.
Ogni esempio ha prodotto due pedaliere, o solo in bemolle o in diesis, che con ulteriori regole è possibile ibridare (pedaliere ibride = presenza di pedali enarmonici diesis e bemolle) per sopperire a difficili passaggi cromatici o di tonalità molto lontane, miscelandole a seconda delle tonalità che precedono un determinato accordo o scala, all’armonia successiva. Il collegamento dei pedali non prescinde da un’approfondita
conoscenza di probabilità che bisogna aver presenti prima di affrontare un brano che non sia caratterizzato solo da II-V-I. Ciò avviene attraverso un certosino calcolo teorico-pratico per rendere economico il passaggio da un accordo all’altro, ponendosi anche il problema di quali scale sovrapporre. Dopo aver compiuto questi ragionamenti ed esercizi di memorizzazione della pedaliera, l’arpista può essere libera di utilizzare quelle
combinazioni controllate come meglio crede, suonando ed improvvisando. Il lavoro sulle combinazioni prende il 70% dell’impegno di un’arpista per poter suonare al meglio dei pezzi jazz, armonicamente complessi.

omni string-pedalomni string-pedal 2.pngomni string-pedal 3omni string-pedal 4omnia string-pedal 5

tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ” scritta  da Vanessa D’Aversa

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

*F.E.P.A. copyright by Vanessa D’Aversa

 

 

Suoni enarmonici o omofoni: L’Arpa a pedali enarmonica o tonale (diatonica)?

Nell’arpa ad ogni corda corrisponde una nota della scala diatonica e ogni corda, grazie
all’intervento dei pedali, ha tre possibilità di intonazione: bemolle, bequadro, diesis. Di
conseguenza è possibile che due diverse corde adiacenti possano produrre la stessa nota
nello stesso momento. Pertanto i suoni enarmonici o omofoni non rappresentano solo
una possibilità teorica ma una realtà concreta che ci consentirà di applicare metodi di
enarmonia estemporanea alle tecniche d’improvvisazione jazz. Date le informazioni bibliografiche raccolte, possiamo dichiarare che l’arpa a pedali, sia a singolo movimento che a doppio , è stata utilizzata più come uno strumento enarmonico che tonale (o diatonico), sia da arpisti come Henriette Renié, Parish Alvars che dai compositori come Wagner che dovette sotto richiesta delle arpiste a pedali ritrascrivere tutte le parti d’orchestra da lui scritte per arpa cromatica 5/7. La maggior parte dei brani
riproposti come originali sono il più delle volte appositamente riconvertiti enarmonicamente, per essere praticati su questo strumento; si possono trovare molti esempi di trascrizioni famose, sono reperibili nella tesi di Lee-Fei- Chen “The emergence of the double-action harp as the standard instrument: Pleyel’s chromatic harp and rard’s double-action harp” University of Miami. Gran parte delle note a disposizione su un’arpa a pedali possono essere duplicate enarmonicamente essendo omofone; già dalle prime modifiche apportate allo strumento appena inventato si mise in pratica l’enarmonia e si richiese ai costruttori di uniformare i commi delle alterazioni al sistema equabile. L’arpa a pedali, stando ai fatti, è uno strumento prevalentemente enarmonico più che tonale: nel prossimo capitolo ripresenteremo la pedaliera sovrapponendo ad ogni alterazione quella corrispondente , evidenziando lo schema che utilizzeremo per l’enarmonizzazione
estemporanea anche nel confronto tra i due strumenti. La tecnica F.E.P.A. che spiegheremo nel prossimo capitolo può essere utilizzata sia dagli arrangiatori che dalle arpiste per risolvere in pochi attimi il problema delle alterazioni, dando la possibilità di poter individuare i movimenti di pedale più vicini eliminando mosse inutili, incrementando come vedremo in alcuni casi le possibilità di esecuzione dell’arpa a pedali in alcune tecniche d’improvvisazione jazz.
tratto dalla tesi “ARPA JAZZ Arpa cromatica e a Pedali a confronto
Storia della prassi Esecutiva estemporanea, delle Tecniche d’arrangiamento e d’improvvisazione ”
scritta  da Vanessa D’Aversa

*F.E.P.A. (= Fast en-harmony for Pedal Harp) copyright by Vanessa D’Aversa

Enharmonic sounds or homophones: The enharmonic or diatonic pedal Harp?
In the Harp each string corresponds to a note in the diatonic scale and every rope, thanks to the intervention of the pedals, has three possibilities of intonation: flat, natural, sharp. Therefore it is possible that two different adjacent strings can produce the same note at the same time. Therefore enharmonic sounds or homophones are not just a theoretical possibility but a concrete reality that will allow us to apply methods enharmony impromptu on the techniques of jazz improvisation.
Given the bibliographic information gathered, we can declare that the pedal harp, both single and double movement, was used more as a tool  enharmonic that tonal, both harpists as Henriette Renié, Parish Alvars that composers like Wagner who had at the request of harpists pedal transcribe all the orchestra parts he wrote for chromatic harp 5/7. Most of the tracks replicated as originals are most often specially converted enharmonically, to be carried out on this instrument; you can find many examples of famous transcripts, can be found in the thesis-Fei Lee-Chen “The emergence of the double-action harp as the standard instrument: Pleyel’s chromatic harp and Gérard’s double-action harp” University of Miami. Much of the available notes of a harp pedal can be duplicated enharmonically being homophonic; from the very first modifications to the instrument just invented it put into practice the Enarmonia and requested manufacturers to standardize the paragraphs of the alterations to the Equal system.

The pedal harp, according to the facts, it is a tool mainly Enharmonic more than tonal in future articles we will present the outline that we will use for the the en-harmonization impromptu  also in the confrontation between the two instruments. The technique F.E.P.A. which will be explained in the next posts can be used by both arrangers that by harpists to resolve in a few moments the problem of the alterations, giving the possibility of being able to identify the movement of the pedal closest eliminating unnecessary moves, increasing as we shall see in some cases the possibility of execution of the harp with pedals in some techniques of jazz improvisation.

taken from the thesis ” JAZZ HARP- chromatic harp and pedals compared
History of performance practice extemporaneous techniques of arrangement and improvisation ” written by Vanessa D’Aversa

*F.E.P.A. (= Fast en-harmony for Pedal Harp) copyright by Vanessa D’Aversa

Blog su WordPress.com.

Su ↑